COME CEMBALI SQUILLANTI CLASSE 1ª

PAUL GAUGUINPaul Gauguin nacque a Parigi nel 1848. Dopo il servizio militare entrò in un’agenzia di cambio dimostrando un buon fiuto per gli affari. Nei giorni liberi dipingeva e dal 1880 partecipò a tutte le mostre del gruppo impressionista. Qualche anno più tardi, spinto dal desiderio di dipingere, lasciò il lavoro e si trasferì in Bretagna a Pont-Aven dove divenne il punto di riferimento per un gruppo di artisti locali. Nel 1891 lasciò la Francia per Tahiti dove dipinse le sue opere più belle, con i colori più risonanti e il disegno più lineare.Nel 1901 si stabilì in Dominica, nelle isole Marchesi, dove morì due anni dopo. OPERA ”il cristo giallo”In quest’opera, olio su tela del 1889, Gauguin applica la tecnica di contornare con un marcato segno nero cose e persone e riempire lo spazio così definito con il colore. La linea è sostitutiva dei valori spaziali di cui le tele di Gauguin sono quasi del tutto prive e c’è il recupero della bidimensionalità della pittura, che può fare a meno della prospettiva. Ai piedi di Cristo ci sono tre donne bretoni che indossano costumi appartenenti al loro paese; in lontananza sono presenti degli alberi e altri soggetti con colori non corrispondenti al reale. Per quest’opera l’artista si ispirò al crocifisso ligneo dipinto di giallo situato nella cappella di Tremalo, poco distante da Pont-Aven in Bretagna. Il volto di Cristo, invece, è un suo autoritratto appena sfumato. Gauguin fu particolarmente affezionato a quest’opera; infatti non volle venderla mai e addirittura poco tempo dopo fece il suo autoritratto, usandola come sfondo. PER COMPRENDERE L’OPERA 1. Che cosa rappresenta il quadro?2. Chi sono i personaggi principali?3. Che cosa si vede sullo sfondo?4. I colori del quadro corrispondono alla realtà?5. Perché il Cristo è giallo?
PAUL GAUGUINPaul Gauguin nacque a Parigi nel 1848. Dopo il servizio militare entrò in un’agenzia di cambio dimostrando un buon fiuto per gli affari. Nei giorni liberi dipingeva e dal 1880 partecipò a tutte le mostre del gruppo impressionista. Qualche anno più tardi, spinto dal desiderio di dipingere, lasciò il lavoro e si trasferì in Bretagna a Pont-Aven dove divenne il punto di riferimento per un gruppo di artisti locali. Nel 1891 lasciò la Francia per Tahiti dove dipinse le sue opere più belle, con i colori più risonanti e il disegno più lineare.Nel 1901 si stabilì in Dominica, nelle isole Marchesi, dove morì due anni dopo. OPERA ”il cristo giallo”In quest’opera, olio su tela del 1889, Gauguin applica la tecnica di contornare con un marcato segno nero cose e persone e riempire lo spazio così definito con il colore. La linea è sostitutiva dei valori spaziali di cui le tele di Gauguin sono quasi del tutto prive e c’è il recupero della bidimensionalità della pittura, che può fare a meno della prospettiva. Ai piedi di Cristo ci sono tre donne bretoni che indossano costumi appartenenti al loro paese; in lontananza sono presenti degli alberi e altri soggetti con colori non corrispondenti al reale. Per quest’opera l’artista si ispirò al crocifisso ligneo dipinto di giallo situato nella cappella di Tremalo, poco distante da Pont-Aven in Bretagna. Il volto di Cristo, invece, è un suo autoritratto appena sfumato. Gauguin fu particolarmente affezionato a quest’opera; infatti non volle venderla mai e addirittura poco tempo dopo fece il suo autoritratto, usandola come sfondo. PER COMPRENDERE L’OPERA 1. Che cosa rappresenta il quadro?2. Chi sono i personaggi principali?3. Che cosa si vede sullo sfondo?4. I colori del quadro corrispondono alla realtà?5. Perché il Cristo è giallo?