INTRODUZIONE

INTRODUZIONE “Vi è un’età in cui si insegna ciò che si sa; ma poi ne viene un’altra in cui si insegna ciò che non si sa e questo si chiama cercare… Questa esperienza ha un nome illustre e un po’ fuori moda, sapienza: essa è nessun potere, un po’ di sapere e quanto più sapore possibile” Roland Barthes In latino infatti “sapere” significa “aver sapore” e, quindi, il vero sapere è dare senso e gusto alla propria e altrui vita. UN PO’ DI STORIA… Dal 2003 ad oggi, il format programmatico per l’insegnamento della Religione Cattolica è passato gradualmente dagli Obiettivi Specifi ci di Apprendimento della riforma Moratti (OSA) ai nuovi Traguardi per lo Sviluppo delle Competenze (TSC) e Obiettivi di Apprendimento (OA) della riforma Fioroni, ai quali le recenti disposizioni della Conferenza Episcopale Italiana hanno adeguato anche tale disciplina. Dopo una lunga riflessione e sperimentazione, dovendo uniformare la Religione Cattolica a quanto disposto per le altre discipline, il Ministero e la Cei hanno deciso di inserire l’I.R.C. nell’Area linguistico-artistico-espressiva, “… in cui, a partire dal confronto interculturale e interreligioso, l’alunno si interroga sulla propria identità e sugli orizzonti di senso verso cui può aprirsi, affrontando anche le essenziali domande religiose e misurandosi con i codici simbolici in cui esse hanno trovato e trovano espressione.” (Integrazioni alle Indicazioni Nazionali relative all’insegnamento della religione cattolica - D.P.R. 11 febbraio 2010). Mentre i Traguardi per lo sviluppo delle Competenze riguardano il raggiungimento di abilità definite al termine della terza e della quinta classe, gli Obiettivi di Apprendimento sono indirizzati verso l’azione didattica annuale. “Gli Obiettivi di Apprendimento per ogni fascia d’età sono articolati in quattro ambiti tematici, tenendo conto della centralità della persona di Gesù Cristo: - Dio e l’uomo, con i principali riferimenti storici e dottrinali del Cristianesimo; - La Bibbia e le fonti, per offrire una base documentale alla conoscenza; - Il linguaggio religioso, nelle sue declinazioni verbali e non verbali; - I valori etici e religiosi, per illustrare il legame che unisce gli elementi squisitamente religiosi con la crescita del senso morale e lo sviluppo di una convivenza civile, responsabile e solidale.” (Intesa sulle indicazioni didattiche per l’I.R.C.) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA • L’alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell’ambiente in cui vive; riconosce il significato cristiano del Natale e della Pasqua, traendone motivo per interrogarsi sul valore di tali festività nell’esperienza personale, familiare e sociale. • Riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento fondamentale della nostra cultura, sapendole distinguere da altre tipologie di testi, tra cui quelli di altre religioni; identifica le caratteristiche essenziali di un brano biblico, sa farsi accompagnare nell’analisi delle pagine a lui più accessibili, per collegarle alla propria esperienza. • Si confronta con l’esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo; identifica nella Chiesa la comunità di coloro che credono in Gesù Cristo e si impegnano per mettere in pratica il suo insegnamento; coglie il significato dei Sacramenti e si interroga sul valore che essi hanno nella vita dei cristiani. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Dio e l’uomo • Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un’alleanza con l’uomo. • Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. • Individuare i tratti essenziali della Chiesa e della sua missione. • Riconoscere la preghiera come dialogo tra l’uomo e Dio, evidenziando nella preghiera cristiana la specificità del “Padre Nostro”. La Bibbia e le altre fonti • Conoscere la struttura e la composizione della Bibbia. • Ascoltare, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali, tra cui i racconti della creazione, le vicende e le figure principali del popolo d’Israele, gli episodi chiave dei racconti evangelici e degli Atti degli Apostoli. Il linguaggio religioso • Riconoscere i segni cristiani in particolare del Natale e della Pasqua, nell’ambiente, nelle celebrazioni e nella pietà tradizione popolare. • Conoscere il signifi cato di segni e gesti liturgici propri della religione cattolica (modi di pregare, di celebrare, ecc.). I valori etici e religiosi • Riconoscere che la morale cristiana si fonda sul comandamento dell’amore di Dio e del prossimo come insegnato da Gesù. • Riconoscere l’impegno della comunità cristiana nel porre alla base della convivenza umana la giustizia e la carità. IMPOSTAZIONE DIDATTICA La Guida si articola in percorsi unitari che rappresentano momenti significativi del processo di apprendimento: sono punti di partenza da cui far nascere le conoscenze e le abilità ispirate alle Indicazioni IRC nazionali. All’interno di ogni percorso si cerca di promuovere lo sviluppo delle capacità di ciascun bambino nel rispetto della pluralità delle intelligenze. La Guida presenta un’articolazione ad ampio respiro perché propone una serie di attività tra le quali l’insegnante può scegliere, per costruire percorsi personalizzati indicati alla classe in cui opera. Ogni classe è introdotta da una presentazione dettagliata dei percorsi trattati. Per avere chiari i contenuti didattici, l’insegnante può consultare una tabella iniziale che presenta una sintesi dei vari percorsi da affrontare. Per motivare i bambini all’apprendimento si utilizzano molteplici forme di espressione quali: RACCONTI: contengono un insegnamento e sono storie adatte all’età dei bambini, utili per introdurre e/o approfondire l’argomento trattato. I racconti sono corredati da conversazioni guidate dove l’insegnante ha a disposizione una serie di domande per aiutare i bambini a comprendere i contenuti proposti. Inoltre, i racconti sono illustrati e le immagini possono essere adoperate per creare una scheda da incollare sul quaderno dei bambini. DALLA BIBBIA: per iniziare ad approfondire i vari argomenti sono state impiegate fonti bibliche adatte all’età dei bambini e arricchite da illustrazioni inerenti l’argomento preso in considerazione. PAGINE PER…: sono pagine che offrono svariate attività (costruzione di libri, quadretti decorativi, schede didattiche…) per coinvolgere maggiormente il gruppo classe sul tema trattato. GIOCHI PER SCOPRIRE: sono utili al consolidamento degli argomenti per influenzare positivamente il processo di insegnamento-apprendimento. FRAMMENTI D’ARTE: per leggere e comprendere le immagini e le diverse creazioni di artisti famosi vengono proposte delle opere che fanno parte del patrimonio artistico e culturale. Esse sono state ridisegnate per stimolare e favorire lo svolgimento dell’attività didattica, per far cogliere agli alunni il significato di argomenti teologici e di come la fede sia stata interpretata dagli artisti nel corso dei secoli. Le opere a colori possono essere visionate nello Sfogliabile da tavolo e nel DVD per la LIM dati in omaggio a tutti gli Insegnanti che adottano i testi delle case editrici: Elledici, il Capitello, Piccoli, Signum. POESIE: poesie e filastrocche sono collegate alle attività e alle feste, e stimolano i bambini a riflettere su forme linguistiche differenti. CANTI: per animare la lezione e supportare le attività didattiche, vengono presentati diversi canti tematici. L’insegnante può usufruire di un CD-AUDIO dove sono contenuti i canti e le relative basi strumentali. A fine anno è possibile far preparare a ogni bambino un “Canzoniere” rilegandolo con la copertina fornita nelle ultime pagine della Guida. ATTIVITÀ MANUALI: per favorire l’espressione grafico-pittorica e stimolare la fantasia dei bambini, vengono presentati vari lavoretti creativi sugli argomenti proposti. Ampio risalto è stato dato alle attività legate alle festività cristiane (Natale e Pasqua) fornendo indicazioni dettagliate e precise per la realizzazione di lavoretti e biglietti augurali per i genitori. Inoltre, ogni singolo lavoretto, colorato e montato, può essere visionato nel DVD per la LIM. VERIFICHE: per consolidare e verificare l’acquisizione dei contenuti, al termine di ogni percorso formativo, vengono presentate delle verifiche. Inoltre, per mettere in gioco tutte le potenzialità degli alunni, l’insegnante potrà usufruire di un’ampia scelta di tipologie di verifica. RICETTA: al termine di ogni unità di lavoro, per trascorrere insieme un momento piacevole, si trova sempre una ricetta da proporre ai bambini. Anche in questo caso è possibile predisporre un libretto rilegandolo con la copertina che si trova nelle ultime pagine della Guida. Schede interattive LIM: queste schede multimediali e interattive sono state pensate appositamente per svolgere in classe attività di verifica e approfondimento in modo semplice e intuitivo anche sulla LIM (vedi DVD-LIM). Materiale per BES/DSA che, in ottemperanza alla Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012, offre indicazioni operative per tutti gli alunni con bisogni educativi speciali (BES). Per facilitare e semplificare il lavoro dei docenti, tutte le schede riservate ai bambini sono già state pensate per essere stampate o fotocopiate e utilizzate direttamente senza dovervi apporre alcuna modifica. Tutte le schede possono essere stampate direttamente dal DVD per la LIM.
INTRODUZIONE “Vi è un’età in cui si insegna ciò che si sa; ma poi ne viene un’altra in cui si insegna ciò che non si sa e questo si chiama cercare… Questa esperienza ha un nome illustre e un po’ fuori moda, sapienza: essa è nessun potere, un po’ di sapere e quanto più sapore possibile” Roland Barthes In latino infatti “sapere” significa “aver sapore” e, quindi, il vero sapere è dare senso e gusto alla propria e altrui vita. UN PO’ DI STORIA… Dal 2003 ad oggi, il format programmatico per l’insegnamento della Religione Cattolica è passato gradualmente dagli Obiettivi Specifi ci di Apprendimento della riforma Moratti (OSA) ai nuovi Traguardi per lo Sviluppo delle Competenze (TSC) e Obiettivi di Apprendimento (OA) della riforma Fioroni, ai quali le recenti disposizioni della Conferenza Episcopale Italiana hanno adeguato anche tale disciplina. Dopo una lunga riflessione e sperimentazione, dovendo uniformare la Religione Cattolica a quanto disposto per le altre discipline, il Ministero e la Cei hanno deciso di inserire l’I.R.C. nell’Area linguistico-artistico-espressiva, “… in cui, a partire dal confronto interculturale e interreligioso, l’alunno si interroga sulla propria identità e sugli orizzonti di senso verso cui può aprirsi, affrontando anche le essenziali domande religiose e misurandosi con i codici simbolici in cui esse hanno trovato e trovano espressione.” (Integrazioni alle Indicazioni Nazionali relative all’insegnamento della religione cattolica - D.P.R. 11 febbraio 2010). Mentre i Traguardi per lo sviluppo delle Competenze riguardano il raggiungimento di abilità definite al termine della terza e della quinta classe, gli Obiettivi di Apprendimento sono indirizzati verso l’azione didattica annuale. “Gli Obiettivi di Apprendimento per ogni fascia d’età sono articolati in quattro ambiti tematici, tenendo conto della centralità della persona di Gesù Cristo: - Dio e l’uomo, con i principali riferimenti storici e dottrinali del Cristianesimo; - La Bibbia e le fonti, per offrire una base documentale alla conoscenza; - Il linguaggio religioso, nelle sue declinazioni verbali e non verbali; - I valori etici e religiosi, per illustrare il legame che unisce gli elementi squisitamente religiosi con la crescita del senso morale e lo sviluppo di una convivenza civile, responsabile e solidale.” (Intesa sulle indicazioni didattiche per l’I.R.C.) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA • L’alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell’ambiente in cui vive; riconosce il significato cristiano del Natale e della Pasqua, traendone motivo per interrogarsi sul valore di tali festività nell’esperienza personale, familiare e sociale. • Riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento fondamentale della nostra cultura, sapendole distinguere da altre tipologie di testi, tra cui quelli di altre religioni; identifica le caratteristiche essenziali di un brano biblico, sa farsi accompagnare nell’analisi delle pagine a lui più accessibili, per collegarle alla propria esperienza. • Si confronta con l’esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo; identifica nella Chiesa la comunità di coloro che credono in Gesù Cristo e si impegnano per mettere in pratica il suo insegnamento; coglie il significato dei Sacramenti e si interroga sul valore che essi hanno nella vita dei cristiani. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Dio e l’uomo • Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un’alleanza con l’uomo. • Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. • Individuare i tratti essenziali della Chiesa e della sua missione. • Riconoscere la preghiera come dialogo tra l’uomo e Dio, evidenziando nella preghiera cristiana la specificità del “Padre Nostro”. La Bibbia e le altre fonti • Conoscere la struttura e la composizione della Bibbia. • Ascoltare, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali, tra cui i racconti della creazione, le vicende e le figure principali del popolo d’Israele, gli episodi chiave dei racconti evangelici e degli Atti degli Apostoli. Il linguaggio religioso • Riconoscere i segni cristiani in particolare del Natale e della Pasqua, nell’ambiente, nelle celebrazioni e nella pietà tradizione popolare. • Conoscere il signifi cato di segni e gesti liturgici propri della religione cattolica (modi di pregare, di celebrare, ecc.). I valori etici e religiosi • Riconoscere che la morale cristiana si fonda sul comandamento dell’amore di Dio e del prossimo come insegnato da Gesù. • Riconoscere l’impegno della comunità cristiana nel porre alla base della convivenza umana la giustizia e la carità. IMPOSTAZIONE DIDATTICA La Guida si articola in percorsi unitari che rappresentano momenti significativi del processo di apprendimento: sono punti di partenza da cui far nascere le conoscenze e le abilità ispirate alle Indicazioni IRC nazionali. All’interno di ogni percorso si cerca di promuovere lo sviluppo delle capacità di ciascun bambino nel rispetto della pluralità delle intelligenze. La Guida presenta un’articolazione ad ampio respiro perché propone una serie di attività tra le quali l’insegnante può scegliere, per costruire percorsi personalizzati indicati alla classe in cui opera. Ogni classe è introdotta da una presentazione dettagliata dei percorsi trattati. Per avere chiari i contenuti didattici, l’insegnante può consultare una tabella iniziale che presenta una sintesi dei vari percorsi da affrontare. Per motivare i bambini all’apprendimento si utilizzano molteplici forme di espressione quali: RACCONTI: contengono un insegnamento e sono storie adatte all’età dei bambini, utili per introdurre e/o approfondire l’argomento trattato. I racconti sono corredati da conversazioni guidate dove l’insegnante ha a disposizione una serie di domande per aiutare i bambini a comprendere i contenuti proposti. Inoltre, i racconti sono illustrati e le immagini possono essere adoperate per creare una scheda da incollare sul quaderno dei bambini. DALLA BIBBIA: per iniziare ad approfondire i vari argomenti sono state impiegate fonti bibliche adatte all’età dei bambini e arricchite da illustrazioni inerenti l’argomento preso in considerazione. PAGINE PER…: sono pagine che offrono svariate attività (costruzione di libri, quadretti decorativi, schede didattiche…) per coinvolgere maggiormente il gruppo classe sul tema trattato. GIOCHI PER SCOPRIRE: sono utili al consolidamento degli argomenti per influenzare positivamente il processo di insegnamento-apprendimento. FRAMMENTI D’ARTE: per leggere e comprendere le immagini e le diverse creazioni di artisti famosi vengono proposte delle opere che fanno parte del patrimonio artistico e culturale. Esse sono state ridisegnate per stimolare e favorire lo svolgimento dell’attività didattica, per far cogliere agli alunni il significato di argomenti teologici e di come la fede sia stata interpretata dagli artisti nel corso dei secoli. Le opere a colori possono essere visionate nello Sfogliabile da tavolo e nel DVD per la LIM dati in omaggio a tutti gli Insegnanti che adottano i testi delle case editrici: Elledici, il Capitello, Piccoli, Signum. POESIE: poesie e filastrocche sono collegate alle attività e alle feste, e stimolano i bambini a riflettere su forme linguistiche differenti. CANTI: per animare la lezione e supportare le attività didattiche, vengono presentati diversi canti tematici. L’insegnante può usufruire di un CD-AUDIO dove sono contenuti i canti e le relative basi strumentali. A fine anno è possibile far preparare a ogni bambino un “Canzoniere” rilegandolo con la copertina fornita nelle ultime pagine della Guida. ATTIVITÀ MANUALI: per favorire l’espressione grafico-pittorica e stimolare la fantasia dei bambini, vengono presentati vari lavoretti creativi sugli argomenti proposti. Ampio risalto è stato dato alle attività legate alle festività cristiane (Natale e Pasqua) fornendo indicazioni dettagliate e precise per la realizzazione di lavoretti e biglietti augurali per i genitori. Inoltre, ogni singolo lavoretto, colorato e montato, può essere visionato nel DVD per la LIM. VERIFICHE: per consolidare e verificare l’acquisizione dei contenuti, al termine di ogni percorso formativo, vengono presentate delle verifiche. Inoltre, per mettere in gioco tutte le potenzialità degli alunni, l’insegnante potrà usufruire di un’ampia scelta di tipologie di verifica. RICETTA: al termine di ogni unità di lavoro, per trascorrere insieme un momento piacevole, si trova sempre una ricetta da proporre ai bambini. Anche in questo caso è possibile predisporre un libretto rilegandolo con la copertina che si trova nelle ultime pagine della Guida. Schede interattive LIM: queste schede multimediali e interattive sono state pensate appositamente per svolgere in classe attività di verifica e approfondimento in modo semplice e intuitivo anche sulla LIM (vedi DVD-LIM). Materiale per BES/DSA che, in ottemperanza alla Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012, offre indicazioni operative per tutti gli alunni con bisogni educativi speciali (BES). Per facilitare e semplificare il lavoro dei docenti, tutte le schede riservate ai bambini sono già state pensate per essere stampate o fotocopiate e utilizzate direttamente senza dovervi apporre alcuna modifica. Tutte le schede possono essere stampate direttamente dal DVD per la LIM.